il tempo scorre fra le dita. Tra il pollice e l'indice scorre la sabbia che si accumula al fondo della pagina. La mano rappresenta una delle mudra più usate nel prânâyâma yoga (Jnana Mudra). Questo gesto accompagna anche la meditazione.

« Aprile 2010 | Main | Ottobre 2010 »

Agosto 2010 Archives

06.08.10

Corso "Retour aux sources de l'audiovisuel" all'Audiorama di Montreux - nov. 2010

registratore a nastro che affonda in un lago, con richiamo all'SOS del Titanic ed invito a maggior efficacia nella preservazione del patrimonio audiovisivo

A novembre 2010 l'Audiorama, con il sostegno dell'UFCOM, offre la seconda edizione del  corso Retour aux sources de l’audiovisuel (ritorno alle fonti dell'audiovisiovo).

Dalla descrizione del corso:

Obiettivi:

1) Saper conservare, mantenere e far funzionare le apparecchiature di letture per:

  • consentire il reperimento di archivi audiovisivi
  • conservare un patrimonio immateriale - preoccupazione attuale dell'UNESCO

2) Poter identificare

  • i supporti, gli archivi audiovisivi e le apparecchiature
  • le apparecchiature in grado di restituire suoni ed immagini

Per il programma dettagliato e il formulario d'iscrizione, vedi la pagina del corso audiorama.ch/fr/fr_2010/fr_cours_nov2010.php.

Ringraziamento

all'Audiorama, per il permesso di utilizzare l'immagine del manifesto del corso, in cima a questo post.

Navigare meglio

"Navigare meglio" è una rubrica che esce, stampata, su Spendere Meglio, il bimensile per i consumatori della Svizzera italiana.

La versione online della rubrica, prima pubblicata sul blog di Noi Media sotto noimedia.iobloggo.com/cat/navigare-meglio/71249, si trasferisce a partire di agosto 2010 su questo blog, nei post etichettati (webmultimediale.org/almansi/2010/08/navigare_meglio.html)

Navigare meglio - agosto 2010: Imparare con i video

Testo dell'articolo pubblicato su Spendere Meglio

(con link aggiunti)

A giugno David N. Figlio, Mark Rush e Lu Yin hanno pubblicato un rapporto su un esperimento condotto durante un corso di microeconomia di tre mesi.

Per l'esperimento avevano suddiviso 327 studenti volontari – sui quasi 1600 iscritti al corso – in due gruppi: un gruppo seguiva le conferenze del corso in aula, l'altro su videoregistrazioni offerte nel sito del corso. Le altre condizioni – tutorial, documentazione online – erano identiche per tutti.

Lo scopo era di vedere se incideva sull'apprendimento degli studenti il modo di fruire quelle conferenze: dal vivo o su video. Dal confronto dei loro risultati all'esame è emersa una differenza – lieve ma preoccupante in quanto colpiva maggiormente gli studenti già più deboli in partenza – a sfavore di coloro che avevano seguito le lezioni su video.

L'ipotesi degli sperimentatori è che forse quei studenti abbiano  cercato di studiare i video all'ultimo momento prima dell'esame. In effetti, mentre si può accelerare la lettura di testi, il tempo di ascolto di un video non è comprimibile – salvo forse per i ciechi, abituati a leggere i testi numerici in audio con la sintesi vocale a tutta velocità.

Inoltre, per studiare è importante prendere appunti, e a scuola impariamo a farlo sui testi, durante lezioni dal vivo, ma non sui video. Eppure esistono strumenti che possono essere dirottati per farlo: quelli per aggiungere sottotitoli a un video, come quelli dei DVD. Quei sottotitoli sono prodotti da una trascrizione suddivisa in pezzi brevi muniti di indicazioni temporali che ne consentono la sincronizzazione con il video.

DotSub.com ed altri siti gratuiti consentono di creare facilmente questa trascrizione sincronizzata, di scaricarla per studiarla come qualsiasi testo, poi – volendo – di condividerla con altri i quali, a loro volta, potranno scegliere se leggerla come testo oppure se utilizzarla per produrre sottotitoli sul video. Però nulla impedisce di usare questi siti per annotare dati passi di un video anziché per sottotitolarlo.

Saper imparare con i video non serve soltanto a scuola: sempre più spesso, anche in ambito professionale, i video – ad esempio di una riunione di lavoro – vengono propinati come documentazione da assimilare. Come diceva Lawrence Lessig nella conferenza inaugurale di Wikimania 2006: "...lo scrivere parole è il latino della nostra epoca moderna. Il linguaggio ordinario della gente non è fatto di parole, ma è questo: video e suono."

Complementi di informazione

L'esperimento di David N. Figlio, Mark Rush e Lu Yin menzionato all'inizio ha suscitato un dibattito acceso. Vedi i link raccolti in diigo.com/user/calmansi/videoliveonline.

Per un esempio di uso accelerato della sintesi vocale, cfr. la registrazione proposta in Ascoltare il web con JAWS, sotto la guida di Gabriele Ghirlanda (bis), all'inizio e soprattutto alla fine.

Per altri strumenti di sottotitolazione che possono essere dirottati per la presa di appunti, vedi Three Video Captioning Tools. Inoltre, quando le immagini non aggiungono granché, è possibile estrarre l'audio e trascriverlo nelle etichette di Audacity.

E' vietata la riproduzione totale o parziale del layout e dei contenuti (testi, immagini, filmati) su carta, supporti tecnologici (floppy, CD-ROM, siti web, ...) e altro per ricavarne lucro, o per distribuirlo come proprio o per qualsiasi altra motivazione, senza il consenso scritto del responsabile del sito

informativa privacy

note legali


Informazioni Agosto 2010

Questa pagina contiene i post di Almansi videoblog di Agosto 2010. Sono ordinati dal più vecchio al più nuovo.

Puoi trovare altro nella pagina principale oppure cercando negli archivi.

IWA Useful Resource
Creative Commons License
This weblog is licensed under a Creative Commons License.